Cirillo Jr. Una vita da Dj.
    Magazine

    Cirillo Jr. Una vita da Dj.

    Ha studiato a Bologna e Miami, si e' esibito anche a Ibiza e in Svizzera. Ugo Antonio Cirillo, in arte Cirillo Jr, si racconta a Loola.it. Ugo Antonio Cirillo, in arte Cirillo Jr (JEY ARR), è un dj e producer pugliese del '93, originario di San Giovanni Rotondo. Dall'intervista emerge il profilo di un artista umile con un importante bagaglio di conoscenze musicali e numerose esperienze professionali.

    Ciao Ugo Antonio, in arte Cirillo Jr. Sei un dj e un producer affermato non solo in Puglia. Come nasce questa tua passione per la musica?
    Ciao, sono un Dj Producer & Remixer e lavoro nel mondo Electro house e dance. La mia passione verso la musica nasce sin da quando ero piccolo, quando ho iniziato a suonare il flauto e un po' il pianoforte. Successivamente, con l'apertura di un bar nella mia città, ho iniziato ad esibirmi nelle prime serate fino a lavorare anche fuori dall'Italia. Il tempo e l'esperienza mi hanno fatto diventare ciò che sono ora.

    Nonostante la tua giovane età, hai avuto esperienze importanti anche fuori dall'Italia. Infatti, nel 2013 sei volato in Florida e hai lavorato a Miami Beach. Com'è stato per te suonare in questa città?
    Esibirmi per la prima volta a Miami è stato davvero qualcosa di importante per la mia carriera professionale. È stata un'emozione fantastica perché lì ho iniziato a conoscere molti Dj. Inoltre, ho lavorato anche ad Ibiza e in Svizzera.

    Sempre a Miami Beach sei riuscito ad entrare nella prestigiosa "Professional Dj Effect School & Remix". Ci puoi parlare di questa esperienza?
    È stata una bellissima esperienza. Grazie alla conoscenza della lingua inglese non ho avuto molte difficoltà ad accedere a questa scuola dove vi erano Dj e professionisti del settore formidabili. Qui ho acquisito molte tecniche di mixaggio attraverso l'uso delle varie macchine effettistiche Piooner, dei nuovi cdi 2000 Nexus, Mixer djm900 - 2000 e non solo. Inoltre, sono entrato anche nella scuola di producer di Bologna e alla fine di questo percorso mi hanno rilasciato il certificato ufficiale di produttore discografico.

    Hai notato delle differenze tra l'Electro House italiana e quella americana?
    Sì, effettivamente la musica americana è molto più elettronica e ha sonorità molto più potenti rispetto a quella italiana. Tuttavia, sono riuscito a creare un sound con un mix di entrambe le sonorità per dare alle serate quel tocco perfetto e unico.

    Hai lavorato con importanti produttori musicali come Gigi d'Agostino, Emanuele Inglese, Luca Agnelli e tanti altri. Cosa hai imparato da loro?
    Ho condiviso con loro la consolle in diversi festival, tra cui il Promiseland Vieste. Anche questa è stata un'esperienza fantastica perché ho conosciuto dj di fama internazionale e ho avuto contatti diretti, feedback e supporti per i miei nuovi remix /original. Inoltre, da loro sono riuscito a capire alcune nuove strategie di mixaggio e non solo.

    Quali sono a tuo avviso le tre capacità che un dj deve avere per ottenere successo?
    Penso che le tre parole chiave siano: umiltà, ottima produzione e mixaggio pulito. Il tempo e l'esperienza fanno il resto.

    Al giorno d'oggi ci sono tanti dj in circolazione. Come riesci a destreggiarti tra la concorrenza e a farti riconoscere?
    Esatto, oggi ci sono molti dj e concorrenza davvero a non finire. Io penso che bisogna sempre dare il massimo, realizzando un'ottima produzione dei propri singoli o dei remix perché così si acquista molta notorietà. Bisogna saper dare in consolle sempre qualcosa di diverso per farsi notare e, se seguite i miei dj set, potete notare questa differenza.

    Come anticipato, oltre ad essere dj sei anche producer. Quali sono i modelli a cui ti riferisci?
    Sì, sono un produttore discografico e remixer di musica dance electro house (EDM). Mi ispiro molto a dj come Rudeejay, Jean Marie, Nicky Romero, Hardwell, Quintino e ovviamente alle sonorità di Bob Sinclair, Calvin Harris e altri.

    Hai già pubblicato i primi dischi. Ad oggi c'è qualche album in cantiere?
    Certo. A breve inizieranno ad uscire le novità di questo 2018: un nuovo singolo internazionale grazie a collaborazioni con dj e cantanti famosi oltre ad altri remix e tante altre novità.

    Cosa consiglieresti ai giovani che vogliono diventare dj e produttori?
    Il consiglio che sento di dare ai nuovi giovani dj e producer è quello di non arrendersi mai, di fare ottime produzioni e di aggiornarsi nelle convention nazionali. Ovviamente allenatevi sempre nel mix, date ai vostri dischi ottimi mix e Mastering senza dimenticare mai di essere umili. Non ascoltate i commenti invidiosi delle persone, ma andate avanti verso il vostro successo.
    dj cirillodj cirillodj cirillo